logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

Centri trasfusionali: nessuna discriminazione nei diversi territori. Gli esami effettuati sono elencati nel D.L. del 2015.  

 

Piombino, 12 novembre 2018 - “Non vi alcuna discriminazione nei confronti dei donatori delle diverse zone della ASL Toscana nord ovest, infatti i centri trasfusionali si comportano tutti nello stesso modo, sia in relazione alla consegna dei referti, sia per quanto riguarda il tipo di esami che vengono effettuati e non si capisce a quali tagli regionali si riferisce Luigi Coppola nel suo intervento”. Chi risponde alle affermazione del segretario provinciale dell’UDC è il responsabile aziendale della medicina trasfusionale.

“Da tempo – continua il dott. Piero Palla – i referti vengono stampati dai totem aziendali o scaricati dall’APP  dell’ex ASL 6 o da quella del Sistema Sanitario Regionale. Accade spesso che i donatori si facciamo stampare gli esami quando si recano ad effettuare la donazione successiva, anche perché qualsiasi anomalia di risultato, in particolare per quanto riguarda i controlli virologici,  viene tempestivamente comunicata all’interessato”. “Inoltre, i donatori che richiedono motivatamente l'invio cartaceo degli esami vengono normalmente registrati e si provvede all'invio. Infine, per quanto riguarda la tipologia di esami che vengono eseguiti, in tutti i centri trasfusionali, ci si attiene al  D.L. 02/11/2015 che elenca gli esami da effettuare alla prima donazione e quelli per le donazioni successive, salvo diversa indicazione del dirigente che si occupa della selezione”. (dg)