logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

Varianti Covid19: cosa cambia per il tracciamento dei contatti e per la quarantena

In caso di confermata o sospetta positività per infezione con variante Covid19 (Variante Inglese, Variante Sudafricana, Variante Brasiliana), cambia, come vedremo di seguito, il processo di identificazione dei contatti e la durata della loro quarantena, al fine di limitare il più possibile la diffusione delle varianti Covid19.
Vengono considerati contatti da porre in quarantena non solo i soggetti che hanno avuto un contatto stretto con il caso sospetto o confermato, ma anche i soggetti che hanno avuto, con il medesimo, un contatto a basso rischio.

Contatto a basso rischio
Si definisce un contatto a basso rischio di caso sospetto o positivo per infezione con variante Covid19:

  • una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso, a distanza minore di 2 metri e per meno di 15 minuti;
  • una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d'attesa dell'ospedale) o che ha viaggiato con un caso per meno di 15 minuti;
  • un operatore sanitario o altra persona che fornisce assistenza diretta ad un caso  oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso, provvisto di DPI raccomandati;
  • tutti i passeggeri e l’equipaggio di un volo in cui era presente un caso positivo con variante Covid19 


Identificazione dei contatti
Il processo d‘identificazione dei contatti di un caso positivo o sospetto con variante COVID19 prevede questi passaggi:

  • identificazione dei contatti stretti e a basso rischio, oltre le 48 ore e fino a 14 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi del caso, o di esecuzione del tampone se il caso è asintomatico;
  • esecuzione, il prima possibile, di un test molecolare ai contatti identificati;
  • nel caso un contatto di caso COVID 19 con infezione da variante risulti sintomatico al momento dell’identificazione o se sviluppa sintomi durante il follow-up, il contatto deve eseguire tempestivamente un test molecolare.


Quarantena per i contatti di un caso positivo con variante Covid19
La quarantena dei soggetti riconosciuti come contatti di un caso sospetto o positivo con variante Covid19 ha una durata di 14 giorni.
Ai contatti identificati viene eseguito un tampone il prima possibile e un altro tampone al 14° giorno di quarantena 
Il rientro in comunità varia a seconda se i contatti siano in grado o meno di rimanere isolati dal soggetto positivo, come riportato nella tabella:

Contatto asintomatico o sintomatico
di caso positivo sospetto o confermato con infezione con variante al virus SARSCoV-2
non convivente o convivente ma
in grado di restare isolato

Un periodo di quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso. Al 14° giorno di quarantena è necessario eseguire un tampone molecolare

 

Contatto asintomatico o sintomatico
di caso positivo sospetto o confermato con infezione con variante al virus SARSCoV- 2
non convivente o convivente ma non
in grado di restare isolato

Un periodo di quarantena di 14 giorni dalla data in cui il caso convivente si è negativizzato (data del prelievo che ha dato esito negativo), e un test molecolare negativo al termine della quarantena.

 

Nella settimana successiva al termine della quarantena, si raccomanda ai contatti identificati di osservare rigorosamente le misure di distanziamento fisico, di indossare la mascherina e in caso di comparsa di sintomi di isolarsi e contattare immediatamente il medico curante.