logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

Cure palliative e Hospice

Il dolore è un segnale di allarme per il nostro corpo ed è utile per la comprensione della malattia; è anche una sensazione soggettiva influenzata da vari fattori individuali. Per tali motivi la collaborazione del malato è fondamentale perché sia individuata la terapia più adeguata: attualmente la medicina dispone di una vasta gamma di farmaci per il controllo del dolore, in base alla sua intensità. Esistono anche alcune tecniche che possono essere utilizzate singolarmente o come supporto ai farmaci: terapie fisiche e tecniche psicologiche che procurano analgesia, rilassamento, controllo dei vissuti emotivi come ansia e paura. I Centri per il controllo e la cura del dolore sono presenti in tutta l’Azienda sanitaria. Per accedere all’ambulatorio di Terapia del dolore occorre un’impegnativa del medico di Medicina Generale da presentare al CUP Aziendale.

Cure palliative e Hospice
Le cure palliative sono prestate al paziente quando la malattia non risponde più alle terapie finalizzate alla guarigione. Il controllo del dolore e degli altri sintomi, dei problemi psicologici, sociali e spirituali assume importanza primaria.
Le cure palliative coinvolgono il paziente, la sua famiglia e la comunità in generale. Il loro scopo non è quello di accelerare o differire la morte ma quello di preservare la migliore qualità della vita possibile per la persona fino alla fine. Le cure palliative sono organizzate all’interno di una rete che integra i servizi distrettuali, ambulatoriali e ospedalieri, sanitari e sociali, in collaborazione con la rete di solidarietà (volontariato, ecc.) presente sul territorio.
Il funzionamento e il coordinamento della Rete è assicurato dalle Unità Funzionali di Cure Palliative per garantire alla persona uniformità nell’accoglienza della domanda, nella valutazione dei bisogni e nell’avvio del percorso di cura.La legge 38/2010, "Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore", tutela e garantisce l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore per assicurare alla persona malata e alla sua famiglia:

  •  il rispetto della dignità e dell'autonomia della persona malata
  •  un'adeguata risposta al bisogno di salute
  •  l'equità nell'accesso all'assistenza
  •  la qualità delle cure e la loro appropriatezza alle specifiche esigenze individuali
  •  un sostegno adeguato sanitario e socio-assistenziale.

Le cure palliative vengono assicurate tramite l’erogazione di tre livelli di intervento:

Attività ambulatoriale. La visita ambulatoriale viene richiesta dal medico di medicina generale (medico di famiglia) o dallo specialista.

Attività domiciliare. Nel caso in cui il paziente si trovi nell’impossibilità di recarsi all’ambulatorio ospedaliero, il medico di medicina generale può richiedere, tramite impegnativa regionale, una visita domiciliare di cure palliative (ADI di II livello). Il medico di medicina generale con il medico palliativista può attivare l’assistenza domiciliare con la collaborazione di più figure professionali (fisioterapista, psicologo, volontari, ecc.). 

Ricovero ordinario in Hospice. Quando il paziente per complessità clinica (affanno, vomito incoercibile, dolore, ecc.) o per condizioni sociali (non ha riferimenti familiari a cui appoggiarsi) non può essere trattato a domicilio, il medico di medicina generale può far richiesta di ricovero.

L'Hospice è una struttura specialistica di ricovero che può accogliere temporaneamente o stabilmente i pazienti che si avvalgono del servizio di cure palliative. Il ricovero in Hospice non è effettuato d'urgenza, ma programmato e la richiesta può provenire dal medico di medicina generale, da una unità di cure palliative o da un reparto ospedaliero.

La Regione Toscana ha istituito un centro di ascolto regionale per offrire informazioni e sostegno psicologico.
Il servizio è raggiungibile tramite il numero verde 
800.880.101
attivo dalle 9 alle 18, dal lunedì al venerdì.