logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

Qualità:  confermata la certificazione per l’Azienda USL Toscana nord ovest - certificati anche i Servizi Diagnostici di Patologia Clinica dell'ambito livornese

19 luglio 2019 – Prosegue sul territorio dell’Asl Toscana nord ovest il percorso di miglioramento continuo della qualità, che permette di far crescere gli standard dei servizi erogati e di fornire risposte sempre più adeguate ai cittadini.

L’ultimo settore in ordine di tempo ad essere certificato dall’ente terzo “DNV-GL”  è stato quello dei Servizi Diagnostici di Patologia Clinica dell'ambito livornese.

Il superamento della verifica ispettiva ha consentito all’Asl di confermare anche in questo ambito per l’anno 2019 il prestigioso risultato di certificazione di qualità ai sensi della norma UNI EN ISO 9001:2015, avvalorando anche il modello qualità aziendale pensato e realizzato per garantire una piena rispondenza tra le attività pianificate e quelle realizzate.

Sul piano operativo l’Asl ha promosso un sistema orientato alla gestione dei processi riuscendo a supportare sistemi di programmazione, controllo e misurazione orientati alla rilevazione dei fenomeni sanitari che rappresentano gli esiti clinici (outcome) dell’organizzazione. Questi gli input della direttrice generale Maria Letizia Casani, del direttore di staff della Direzione Generale Alessandro Iala, del direttore dell’area Qualità, sicurezza delle cure e formazione strategica Francesco Niccolai e del direttore aziendale della Qualità Ivano Cerretini.

La Direzione Aziendale ringrazia quindi i responsabili dei settori coinvolti e tutti i loro collaboratori, che hanno contribuito a questa importante attestazione, che deve però rappresentare un punto di partenza. Lavorare per il miglioramento continuo in sanità crea valori nel personale e aiuta ad accrescere il senso di appartenenza e dietro a questo “bollino” c’è tanta sostanza e soprattutto c’è l’impegno di molte persone.

Tutto il personale interessato ha infatti contribuito al miglioramento continuo in termini di efficacia, efficienza ed affidabilità dei processi operativi: la rete dei facilitatori qualità e sicurezza (FQS) creata dall’Azienda sotto la regia di staff aziendale di Pierluigi Vecchio ha reso possibile un’azione congiunta tra management (amministrazione), line (organi che si occupano di attuare le attività tipiche dell’Azienda) e utenza nella definizione di processi che si sviluppano in una strategia condivisa, unificando le dimensioni tecnico-professionale, manageriale, percepita e della sicurezza in un unico concetto integrato di Qualità e Sicurezza.

L’Azienda ringrazia pertanto Lorella Marini e Sara Bocchia per il prezioso apporto professionale a livello aziendale e Marcello Fiorini per la gestione operativa delle attività richieste dalla norma ISO di settore.
Grazie inoltre ai componenti dei Servizi Diagnostici di Patologia Clinica dell'ambito livornese che più direttamente hanno collaborato alla preparazione dell’audit di terza parte: per la UOC Anatomia Patologica il direttore Paolo Viacava, il responsabile Gestione Qualità Roberto Mario Incensati e il referente per la Sicurezza Pietra Molfettini; per la UOC Medicina di Laboratorio, nella sede di Cecina il responsabile Fabio Antonelli, la coordinatrice dei tecnici sanitari di laboratorio biomedico (TSLB) Laura Moschini, il facilitatore della qualità e sicurezza Alina Canapicchi, nella sede di Piombino la responsabile Paola Brunori, il coordinatore dei tecnici Cristina Quintavalle ed il tecnico Claudia Centini.

Da evidenziare anche l’apporto fondamentale, per il raggiungimento del risultato, di tutti gli altri operatori ed in particolare  del tecnico il facilitatore della qualità e sicurezza Naida Botta, del tecnico gestore del portale intranet di laboratorio Gabriele Turelli, e della referente del Controllo Qualità Analitico Maila Demi.

 

In allegato la foto di un incontro sulla qualità nella sede direzionale di Via Cocchi

 

(sdg)

Attachments: