logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

Lunigiana: ASL – in arrivo la risonanza magnetica mobile. Firmato l’accordo per progetti di rotazione del personale.  

Massa Carrara, 6 settembre 2019 – “Non vi è alcuna intenzione di accentrare le prestazioni sanitarie nei centri urbani maggiori, il nostro compito è quello di garantire servizi di qualità a  tutta la popolazione”. La direzione della ASL, interviene in relazione alle affermazioni del sindacato E’ il caso delle mammografie. Infatti, in  Lunigiana sono presenti i mammografi necessari a coprire la fascia di età dello screening (45-74 anni), mentre per tutte le donne sintomatiche (mammografie cliniche) gli esami sono stati accentrati a Carrara per garantire, con una presa in carico entro 10 giorni dalla richiesta, nella stessa seduta, tutti gli approfondimenti necessari a formulare  una diagnosi corretta e in tempi rapidi  (ago aspirato, ecografia, ecc). Ciò grazie alla presenza della tomosintesi, unica nella provincia di Massa Carrara, che permette di effettuare anche la biopsia sotto guida 3D (procedura molto più veloce e sicura della precedente), infatti l’efficacia clinica della tomosintesi è stata ormai dimostrata da numerosi studi che confermano come questa aumenti l’individuazione dei tumori e abbatta il tasso dei richiami. Uno strumento, quindi, che permette di effettuare la biopsia in quelle lesioni che la tomosintesi mette in evidenza ma che non possono essere individuate attraverso le metodiche tradizionali (mammografia convenzionale, ultrasuoni e risonanza magnetica).

Inoltre, entro ottobre sarà nuovamente attiva la risonanza magnetica mobile a Fivizzano, il contratto con la ditta è in fase di rinnovo, mentre a Pontremoli è presente un macchinario fisso, inaugurato nel 2018, sul quale sono stati finanziati tre turni alla settimana di attività aggiuntiva.

Infine, nei giorni scorsi, è stato firmato un accordo con i sindacati che impegna  l’Azienda a stanziare 250.000,00 euro destinati a progetti di rotazione dei professionisti dagli ospedali maggiori a quelli minori. (dg)